La metformina ha nuove scoperte

1. Si prevede che migliori il rischio di insufficienza renale e morte per malattie renali
Il team di contenuti di WuXi AppTec Medical New Vision ha rilasciato la notizia che uno studio su 10.000 persone ha dimostrato che la metformina può migliorare il rischio di insufficienza renale e morte per malattie renali.

Uno studio pubblicato sulla rivista "Diabetes Care" (Diabetes Care) dell'American Diabetes Association (ADA) ha mostrato che l'analisi dei farmaci e della sopravvivenza di oltre 10.000 persone ha mostrato che i pazienti con diabete di tipo 2 con malattia renale cronica (CKD) assumono la metformina è associata a una riduzione del rischio di morte e di malattia renale allo stadio terminale (ESRD) e non aumenta il rischio di acidosi lattica.

La malattia renale cronica è una complicanza comune del diabete. Considerando che ai pazienti con malattia renale lieve può essere prescritta metformina, il team di ricerca ha studiato 2704 pazienti in ciascuno dei due gruppi che assumevano metformina e non assumevano metformina.

I risultati hanno mostrato che rispetto a coloro che non hanno assunto metformina, i pazienti che hanno assunto metformina hanno avuto una riduzione del 35% del rischio di morte per tutte le cause e una riduzione del 33% del rischio di progressione verso la malattia renale allo stadio terminale. Questi benefici sono comparsi gradualmente dopo circa 2,5 anni di assunzione di metformina.

Secondo il rapporto, negli ultimi anni, le linee guida della FDA statunitense raccomandano di ridurre l'uso della metformina nei pazienti con diabete di tipo 2 con malattia renale cronica, ma solo nei pazienti con malattia renale lieve. Per i pazienti con malattia renale cronica moderata (stadio 3B) e grave, l'uso della metformina è ancora controverso.

La dottoressa Katherine R. Tuttle, professoressa all'Università di Washington negli Stati Uniti, ha commentato: “I risultati dello studio sono rassicuranti. Anche nei pazienti con grave malattia renale, il rischio di acidosi lattica è molto basso. Per i pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica, la metformina può essere una misura preventiva di morte e un importante farmaco per l'insufficienza renale, ma poiché si tratta di uno studio retrospettivo e osservazionale, i risultati devono essere interpretati con attenzione».

2. Diverse potenzialità terapeutiche del farmaco magico metformina
Si può dire che la metformina sia una vecchia medicina classica che dura da molto tempo. Nell'impennata della ricerca sui farmaci ipoglicemizzanti, nel 1957, lo scienziato francese Stern pubblicò i risultati della sua ricerca e aggiunse l'estratto di lillà che ha attività ipoglicemizzante nei fagioli di capra. Alcali, chiamati metformina, Glucophage, che significa mangiatore di zucchero.

Nel 1994, la metformina è stata ufficialmente approvata dalla FDA statunitense per l'uso nel diabete di tipo 2. La metformina, come farmaco autorevole per il trattamento del diabete di tipo 2, è elencato come farmaco ipoglicemizzante di prima linea in una varietà di linee guida di trattamento in patria e all'estero. Presenta i vantaggi dell'effetto ipoglicemico accurato, del basso rischio di ipoglicemia e del prezzo basso. Attualmente è il farmaco più utilizzato Uno della classe dei farmaci ipoglicemizzanti.

Come farmaco testato nel tempo, si stima che ci siano più di 120 milioni di utilizzatori di metformina in tutto il mondo.

Con l'approfondimento della ricerca, il potenziale terapeutico della metformina è stato continuamente ampliato. Oltre alle ultime scoperte, è stato scoperto che la metformina ha quasi 20 effetti.

1. Effetto anti-invecchiamento
Al momento, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato la sperimentazione clinica di "usare la metformina per combattere l'invecchiamento". Il motivo per cui gli scienziati stranieri usano la metformina come candidato farmaco anti-invecchiamento potrebbe essere perché la metformina può aumentare il numero di molecole di ossigeno rilasciate nelle cellule. Soprattutto, questo sembra aumentare la forma fisica del corpo e prolungare la vita.

2. Perdita di peso
La metformina è un agente ipoglicemizzante che può perdere peso. Può aumentare la sensibilità all'insulina e ridurre la sintesi dei grassi. Per molti amanti dello zucchero di tipo 2, la stessa perdita di peso favorisce un controllo stabile della glicemia.

Uno studio del gruppo di ricerca del Programma di prevenzione del diabete degli Stati Uniti (DPP) ha mostrato che in un periodo di studio non in cieco di 7-8 anni, i pazienti che hanno ricevuto il trattamento con metformina hanno perso in media 3,1 kg di peso.

3. Ridurre il rischio di aborto spontaneo e parto prematuro per alcune donne in gravidanza
L'ultima ricerca pubblicata su The Lancet mostra che la metformina può ridurre il rischio di aborto spontaneo e parto prematuro in alcune donne in gravidanza.

Secondo i rapporti, gli scienziati della Norwegian University of Science and Technology (NTNU) e del St. Olavs Hospital hanno condotto uno studio di quasi 20 anni e hanno scoperto che i pazienti con sindrome dell'ovaio policistico che assumono metformina alla fine dei 3 mesi di gravidanza possono ridurre il post- aborto spontaneo e aborto spontaneo. Rischio di parto prematuro.

4. Prevenire l'infiammazione causata dallo smog
I risultati dello studio hanno mostrato che il team guidato dal professor Scott Budinger della Northwestern University ha confermato nei topi che la metformina può prevenire l'infiammazione causata dallo smog, impedire alle cellule immunitarie di rilasciare una molecola pericolosa nel sangue, inibire la formazione di trombosi arteriosa e quindi ridurre il sistema cardiovascolare. Il rischio di malattia.

5. Protezione cardiovascolare
La metformina ha effetti protettivi cardiovascolari ed è attualmente l'unico farmaco ipoglicemizzante raccomandato dalle linee guida sul diabete come avente una chiara evidenza di benefici cardiovascolari. Gli studi hanno dimostrato che il trattamento a lungo termine con metformina è significativamente correlato alla riduzione del rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi e nei pazienti con diabete di tipo 2 che hanno già sviluppato malattie cardiovascolari.

6. Migliora la sindrome dell'ovaio policistico
La sindrome dell'ovaio policistico è una malattia eterogenea caratterizzata da iperandrogenemia, disfunzione ovarica e morfologia dell'ovaio policistico. La sua patogenesi non è chiara e i pazienti hanno spesso diversi gradi di iperinsulinemia. Gli studi hanno dimostrato che la metformina può ridurre la resistenza all'insulina, ripristinare la sua funzione di ovulazione e migliorare l'iperandrogenemia.

7. Migliora la flora intestinale
Gli studi hanno dimostrato che la metformina può ripristinare la proporzione della flora intestinale e farla cambiare in una direzione favorevole alla salute. Fornisce un ambiente di vita vantaggioso per i batteri benefici nell'intestino, abbassando così la glicemia e regolando positivamente il sistema immunitario.

8. Si prevede che tratti un po' di autismo
Recentemente, i ricercatori della McGill University hanno scoperto che la metformina può trattare alcune forme di sindrome dell'X Fragile con autismo, e questo studio innovativo è stato pubblicato sulla rivista Nature Medicine, una sotto-edizione di Nature. Al momento, l'autismo è una delle tante condizioni mediche che gli scienziati ritengono possano essere trattate con metformina.

9. Fibrosi polmonare inversa
I ricercatori dell'Università dell'Alabama a Birmingham hanno scoperto che nei pazienti umani con fibrosi polmonare idiopatica e nei modelli di fibrosi polmonare del topo indotti dalla bleomicina, l'attività dell'AMPK nei tessuti fibrotici è ridotta e i tessuti resistono alle cellule I miofibroblasti apoptotici sono aumentati.

L'uso della metformina per attivare l'AMPK nei miofibroblasti può risensibilizzare queste cellule all'apoptosi. Inoltre, nel modello murino, la metformina può accelerare l'ablazione del tessuto fibrotico già prodotto. Questo studio mostra che la metformina o altri agonisti dell'AMPK possono essere utilizzati per invertire la fibrosi che si è già verificata.

10. Aiuta a smettere di fumare
I ricercatori dell'Università della Pennsylvania hanno scoperto che l'uso a lungo termine della nicotina può portare all'attivazione della via di segnalazione dell'AMPK, che è inibita durante l'astinenza da nicotina. Pertanto, hanno concluso che se i farmaci vengono utilizzati per attivare la via di segnalazione dell'AMPK, possono alleviare la risposta all'astinenza.

La metformina è un agonista dell'AMPK. Quando i ricercatori hanno somministrato metformina a topi affetti da astinenza da nicotina, hanno scoperto che alleviava l'astinenza dei topi. La loro ricerca mostra che la metformina può essere utilizzata per aiutare a smettere di fumare.

11. Effetto anti-infiammatorio
In precedenza, studi preclinici e clinici hanno dimostrato che la metformina non solo può migliorare l'infiammazione cronica migliorando i parametri metabolici come l'iperglicemia, l'insulino-resistenza e la dislipidemia aterosclerotica, ma ha anche un effetto antinfiammatorio diretto.

Gli studi hanno evidenziato che la metformina può inibire l'infiammazione, principalmente attraverso l'inibizione dipendente o indipendente dalla proteina chinasi attivata dall'AMP (AMPK) del fattore di trascrizione nucleare B (NFB).

12. Invertire il deterioramento cognitivo
I ricercatori dell'Università del Texas a Dallas hanno creato un modello murino che imita il deterioramento cognitivo correlato al dolore. Hanno usato questo modello per testare l'efficacia di più farmaci.

I risultati sperimentali mostrano che il trattamento dei topi con 200 mg/kg di peso corporeo di metformina per 7 giorni può invertire completamente il deterioramento cognitivo causato dal dolore.

Il gabapentin, che cura la nevralgia e l'epilessia, non ha tale effetto. Ciò significa che la metformina può essere utilizzata come un vecchio farmaco per trattare il deterioramento cognitivo nei pazienti con nevralgia.

13. Inibire la crescita del tumore
Alcuni giorni fa, secondo Singularity.com, gli studiosi dell'Istituto Europeo di Oncologia hanno scoperto che metformina e digiuno possono lavorare in sinergia per inibire la crescita dei tumori dei topi.

Attraverso ulteriori ricerche, è stato scoperto che la metformina e il digiuno inibiscono la crescita del tumore attraverso la via PP2A-GSK3β-MCL-1. La ricerca è stata pubblicata su Cancer Cell.

14. Può prevenire la degenerazione maculare
Il Dr. Yu-Yen Chen del Taichung Veterans General Hospital di Taiwan, Cina, ha recentemente scoperto che l'incidenza della degenerazione maculare senile (AMD) nei pazienti con diabete di tipo 2 che assumono metformina è significativamente inferiore. Ciò dimostra che mentre si controlla il diabete, le funzioni antinfiammatorie e antiossidanti della metformina hanno un effetto protettivo sull'AMD.

15. Oppure può curare la caduta dei capelli
Il team di Huang Jing, uno scienziato cinese dell'Università della California, Los Angeles, ha scoperto che farmaci come metformina e rapamicina possono stimolare i follicoli piliferi nella fase di riposo dei topi per entrare nella fase di crescita e promuovere la crescita dei capelli. Ricerche correlate sono state pubblicate sulla famosa rivista accademica Cell Reports.

Inoltre, quando gli scienziati hanno usato la metformina per trattare i pazienti con sindrome dell'ovaio policistico in Cina e India, hanno anche osservato che la metformina è associata a una ridotta perdita di capelli.

16. Età biologica inversa
Recentemente, il sito web ufficiale della rivista internazionale di scienza e tecnologia "Nature" ha pubblicato una notizia di successo. I rapporti mostrano che un piccolo studio clinico in California ha mostrato per la prima volta che è possibile invertire l'orologio epigenetico umano. Nell'ultimo anno, nove volontari sani hanno assunto una miscela di ormone della crescita e due farmaci per il diabete, inclusa la metformina. Misurata analizzando i marcatori sul genoma di una persona, la sua età biologica è scesa in media di 2,5 anni.

17. I farmaci combinati possono trattare il cancro al seno triplo negativo
Pochi giorni fa, un team guidato dal Dr. Marsha Rich Rosner dell'Università di Chicago ha scoperto che la combinazione di metformina e un altro vecchio farmaco, l'eme (panematina), può mirare al trattamento del cancro al seno triplo negativo che minaccia seriamente la salute delle donne .

E ci sono prove che questa strategia di trattamento può essere efficace per una varietà di tumori come il cancro ai polmoni, il cancro del rene, il cancro dell'utero, il cancro alla prostata e la leucemia mieloide acuta. La ricerca correlata è stata pubblicata sulla rivista Nature.

18. Può ridurre gli effetti negativi dei glucocorticoidi
Recentemente, "The Lancet-Diabetes and Endocrinology" ha pubblicato uno studio: i risultati dello studio hanno mostrato che in uno studio clinico di fase 2, la metformina utilizzata in pazienti con malattie infiammatorie croniche può migliorare la salute metabolica e ridurre il trattamento con glucocorticoidi Gravi effetti collaterali.

Gli esperimenti hanno suggerito che la metformina può agire attraverso la proteina metabolica chiave AMPK e il meccanismo d'azione è esattamente l'opposto dei glucocorticoidi e ha il potenziale per invertire gli effetti collaterali causati dall'uso massiccio di glucocorticoidi.

19. Spero di curare la sclerosi multipla
In precedenza, un gruppo di ricerca guidato da Robin JM Franklin dell'Università di Cambridge e dal suo discepolo Peter van Wijngaarden ha pubblicato un articolo sulla rivista più prestigiosa "Cell Stem Cells" in cui ha scoperto un tipo speciale di cellule staminali neurali che invecchiano che possono riprendersi dopo il trattamento con metformina. In risposta ai segnali che promuovono la differenziazione, riappare la vitalità giovanile e promuove ulteriormente la rigenerazione della mielina nervosa.

Questa scoperta significa che la metformina dovrebbe essere utilizzata nel trattamento di malattie irreversibili legate alla neurodegenerazione, come la sclerosi multipla.


Orario postale: 21-aprile-2021